xxxxxxxxxxxxxx

Posts by Icevisit Tour

Skaftafell

Una natura spettacolare, un miroclima mite e una vasta rete di sentieri naturalistici rendono il Parco Naturale di Skaftafell una destinazione ideale per le attività all’aria aperta nella natura islandese. Con il ghiacciaio Vatnajokull sempre sullo sfondo, sentieri brevi e agevoli portano alla cascata di Svartifoss e alla lingua glaciale di Skaftafell, e per chi desideri intraprendere escursioni più impegnative …

Ghiacciaio di Oraefajokull e monte Hvannadalshnjúkur

Hvannadalshnukur, con i suoi 2110metri, è il monte più alto di Islanda. La sua altezza varia in realtà a seconda della stagione e dello spessore di ghiaccio e neve, essendo che il picco si trova sotto al ghiacciaio Oraefajokull, parte a sua volta della più vasta calotta glaciale del Vatnajokull. Questa montagna, insieme all’area circostante, è una destinazione popolare tra …

Il ghiacciaio Mýrdalsjökull e il vulcano Katla

Il ghiacciaio Myrdalsjokull si estende per circa 500km2 nel sud dell’Islanda, ed è composto da una calotta glaciale ben visibile da gran parte della costa sud, e da numerose lingue glaciali, la più accessibile e popolare chiamata Solheimajokull. I ghiacciai islandesi, a causa della loro natura “temperata”, sono molto sensibili ai cambiamenti climatici, ed una breve visita a questo ghiacciaio …

Hengill e l’esibizione sull’energia geotermale

Il monte Hengill è un vulcano dormiente, ha eruttato l’ultima volta 2000 anni fa, e l’area che lo circonda è ricca di panoramici percorsi escursionistici di diverse difficoltà. Sopra il vulcano dormiente, sorge la centrale geotermica di Hellisheidi, moderna e all’avanguardia. Attenta alla questione ambientale, Hellisheidi sta sperimentando nuove tecnologie per abbassare l’inquinamento associato con la produzione di energia (pur …

I crateri del Lakagigar e Laki

Lakagigar è una successione di 130 crateri vulcanici, originati in quella che è considerata la più grande eruzione al mondo in tempi storici. Situati nell’interno dell’isola e accessibili con mezzi di trasporto idonei, i crateri del Laki hanno emesso un quantitativo di lava, ceneri vulcaniche e gas nocivi senza precedenti nel corso dell’eruzione del 1783-84 (i “fuochi di Skafta”), mettendo …

La valle del Landmannalaugar

La vallata del Landmannalaugar prende il suo nome dalla piscina d’acqua geotermale che qui affiora  dal campo di lava Laugahraun. Situata nell’interno del paese e accessibile con un piccolo 4×4, la valle ha ospitato per secoli i pastori che qui si accampavano durante il raduno annuale delle pecore al termine dell’estate. La peculiarità dell’area risiede nelle sue montagne, composte di …

La montagna e vulcano Hekla

Hekla è considerato il vulcano più famoso d’Islanda, ed è infatti il vulcano che in passato ha fatto conoscere l’Islanda al resto d’Europa grazie alle ceneri delle sue violente eruzioni, che spesso ricadevano sul vecchio Continente. Si è dunque meritato l’appellativo di “porta per l’inferno”, essendo credenza popolare nel medioevo che gli spiriti meno meritevoli viaggiassero da tutto il mondo …

Il cratere Kerid

Kerid è un cratere vulcanico di circa 3000 anni, appartenente ad un gruppo di crateri chiamati Tjarnarholar. Durante l’ultima violenta eruzione, la camera magmatica è collassata, riempiendosi lentamente di acque sotterranee, tanto da formare un pittoresco laghetto al centro del cratere, dove il blu-verde dell’acqua si contrappone al verde brillante dei muschi e al rosso intenso delle rocce laviche che …

La laguna glaciale di Jokulsarlon

La laguna glaciale di Jokulsarlon è il luogo dove la lingua glaciale Breidamerkurjokull, porzione del più grande ghiacciaio Vatnajokull, termina e si frantuma in giganteschi iceberg che qui fluttuano fino ad incontrare l’oceano. Uno specchio di acqua salmastra di un blu intenso punteggiato di iceberg dalle forme più varie copre uno spazio di circa 20km2, con una profondità che arriva …

Cascata di Gullfoss

Gulfoss è una delle cascate più spettacolari e potenti d’Islanda, con una portata d’acqua media di 110 metri cubi al secondo! La cascata si compone in realtà di due cascate più piccole (11 e 21 metri) che unite precipitano in un canyon, a sua volta originato in seguito alle grandi inondazioni dovute allo scioglimeto dei ghiacci alla fine dell’ultima glaciazione. …